1. Adozione varianti PSC e RUE

  2. CarbonZero

  3. Incentivi per la rigenerazione

La nuova strumentazione urbanistica per il governo delle trasformazioni nel territorio comunale, introdotta nella Regione Emilia Romagna con la L.R. 20/2000, è costituita da un sistema di tre strumenti concepiti e realizzati in modo complementare ed integrato: il Piano Strutturale Comunale (PSC), strumento di pianificazione urbanistica generale, delinea le scelte strategiche di assetto e sviluppo del territorio, che sono poi articolate, disciplinate e programmate dal Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) e dal Piano Operativo Comunale (POC).

Il Comune di Reggio Emilia ha riorganizzato il sistema di governo del territorio attraverso l'approvazione di questi strumenti urbanistici che si è conclusa con l'entrata in vigore del primo POC nel 2014, dopo l'approvazione di PSC e RUE, avvenuta nel 2011.

StrumPian

Gli strumenti di attuazione hanno finalità esecutive con l'obiettivo di definire le previsioni contenute negli strumenti di pianificazione (RUE e POC), precisando gli interventi sul territorio e organizzandone l'attuazione. Tramite questi strumenti, vengono pianificate le trasformazioni di porzioni del territorio individuandone l'azzonamento in termini di interventi edilizi, attrezzature pubbliche, viabilità e dotazioni territoriali. I piani attuativi, per quanto di propria pertinenza, definiscono gli spazi, le destinazioni d'uso, le suddivisioni degli isolati, le proprietà catastali e quant'altro espressamente richiesto dagli strumenti normativi vigenti.

StrumPian